Regione Veneto

Comune di Sarego
Portale istituzionale

Seguici su

RIFIUTI INDIFFERENZIATI, NOVITÀ IN ARRIVO

Pubblicata il 14/12/2021

Al via da gennaio l’introduzione definitiva della tariffazione puntuale per il rifiuto secco. Calcolo effettuato sul volume conferito e maggiore equità per tutte le utenze.

Grazie alle iniziative intraprese negli ultimi anni nella gestione dei rifiuti e alla virtuosità dei cittadini, il Comune di Sarego è riuscito a posizionarsi ai primi posti tra i Comuni con la maggiore differenziazione dei rifiuti e con la minore produzione di rifiuto secco. Questo fatto ha consentito di mantenere il costo della TARI pressoché immutato nonostante i pesanti rincari degli impianti di smaltimento e dei trasporti. Con il 2022 sarà completata l’ultima fase dell’applicazione della tariffa puntuale.

A partire dal primo gennaio sarà infatti introdotta una riduzione dei quantitativi minimi degli svuotamenti assegnati a ciascuna utenza, sia domestica che aziendale. Per le aziende in particolare, il numero di conferimenti sarà determinato in base alle dimensioni del contenitore assegnato a ciascuno e alla tipologia di attività. Per le utenze domestiche invece il parametro di riferimento sarà sempre determinato dal numero di componenti del nucleo familiare. In questo modo una parte più consistente della tariffa sarà calcolata sugli svuotamenti eccedenti del rifiuto indifferenziato.

Questo metodo porterà ad una maggiore equità nella determinazione della quota attribuita a ciascuna utenza, facendo pagare una quota più alta a chi produce una maggiore quantità di rifiuto rispetto agli utenti più virtuosi. Sarà inoltre uno stimolo a porre maggiore attenzione nel differenziare correttamente le varie tipologie di rifiuto. Lo smaltimento dell’indifferenziato è il più costoso tra tutte le tipologie di rifiuto, ma se la differenziazione dei materiali viene eseguita correttamente, il sistema adottato porterà ad una contrazione dei costi generali di trattamento dei rifiuti.

Alle aziende si raccomanda quindi di verificare se i contenitori a propria disposizione siano proporzionati alla propria produzione di rifiuto indifferenziato e, nel caso risultasse un volume eccessivo, richiedere un contenitore più piccolo. Si ricorda che il calcolo sarà effettuato sul volume conferito, quindi non porterà alcun vantaggio richiedere un contenitore di volume maggiore. La dimensione più adatta per ciascuna attività sarà comunque valutata caso per caso dai tecnici comunali, in considerazione della tipologia di attività e dei dati rilevati negli anni precedenti. “Gli incoraggianti risultati raggiunti dal punto di vista sia ambientale che economico, ci dimostrano di essere sulla strada giusta - dichiara l’Assessore all’Ambiente Flavio Zambon -.

Siamo convinti che la collaborazione dimostrata dai cittadini di Sarego su questi temi permetterà di contenere anche in futuro i costi sempre maggiori di questo fondamentale servizio.”


Facebook Twitter
torna all'inizio del contenuto